Quinta domenica di Quaresima: Uscire fuori

29 marzo 2020.

Detto questo, gridò a gran voce: «Lazzaro, vieni fuori!». Uscì fuori il morto, legato piedi e mani con bende e la sua faccia era avvolta con un sudario. (Gv 11, 43-44)

Questa domenica, così vicina alla Settimana Santa, il Vangelo ci invita a meditare sulla risurrezione di Lazzaro. Questo passaggio del Vangelo ci mostra, come pochi, la grande umanità di Gesù, il suo dolore dinanzi alla morte di un suo amico e anche il fatto che fosse andato ad aiutarlo mettendo in pericolo la propria vita dato che sapeva che lo stavano cercando per ucciderlo. Infatti andare a casa di Lazzaro significava avvicinarsi troppo ai suoi nemici.

Questa constatazione ci deve riempire di gioia sapendo che siamo oggetto di interesse di qualcuno che ci ama per davvero. Quel “qualcuno” è Gesù, l’unico che ci ama infinitamente. Inoltre, dobbiamo renderci conto che il miracolo della risurrezione di Lazzaro avviene soltanto perché c’è fede e succederà lo stesso con noi: ci salveremo e ci convertiremo soltanto se avremo fede in Gesù, se siamo al suo fianco e se crediamo davvero nella sua forza. In aggiunta, questo Vangelo ci insegna che il miracolo può avvenire per mezzo di una “fede prestata”. Le opere non si possono passare in eredità, non si possono trasmettere, ma la fede sì. Cristo non chiese a Lazzaro di avere fede essendo egli morto ma chiese ciò a sua sorella. Anche noi possiamo chiedere al Signore che operi miracoli negli altri anche se loro non hanno fede in questi miracoli. Inoltre, quella fede deve trasformarsi in gratitudine come fecero senza ombra di dubbio Marta, Maria e lo stesso Lazzaro, altrimenti non si tratta di vera fede.

Infine, Cristo ci invita a uscire fuori dalla nostra tomba, quella del peccato, attraverso una risurrezione che abbiamo a portata di mano ogni giorno: la confessione. E ci invita a testimoniare che è Cristo colui che ci ha liberato e salvato.

Obiettivo: Esci fuori dalla tua tomba, dal peccato. Se non ti sei ancora confessato durante la Quaresima fallo questa settimana. Sii testimone del trionfo di Dio attraverso le buone opere.

En archivo

Comparte tu experiencia
Twitter Youtube Mail Facebook